Dintorni

Navigli - Milano
Navigli
18 Set

Navigli

I Navigli sono un sistema di canali navigabili, con baricentro Milano. Mettevano in comunicazione il lago Maggiore, quello di Como e il basso Ticino. Col regime regolare delle acque dei navigli si irrigarono e resero produttive vastissime aree. La costruzione dell’intero sistema è durata dal XII al XIX secolo. La Cerchia dei Navigli, o fossa interna, rappresentava la cerniera cittadina che consentiva il funzionamento del sistema nel suo complesso.

Navigli – Storia

La città di Milano sorge al centro della fascia delle risorgive tra Ticino e Adda. Un’area ricchissima d’acque che defluiscono tutte a sudest. È stata fondata, secondo Tito Livio, durante il regno di Tarquinio Prisco, nel 590 avanti Cristo. Gli unici corsi d’acqua riferibili al periodo sono il Nirone, che ha le sue sorgenti nella parte nordorientale dell’attuale piazzale Firenze.

Nel 222 avanti Cristo i Romani conquistavano Milano e la città si allargava accrescendo il proprio fabbisogno idrico. Il Seveso era il fiume che transitava più vicino alle mura e ancora in epoca repubblicana veniva in parte deviato verso la città.

Giunto nei pressi dell’attuale via Larga il Seveso formava un ampio bacino. Tra via Poslaghetto e via Pantano vi sarebbe stato il “porto di Milano” in comunicazione, tramite la Vettabbia con il Lambro, il Po e quindi il mare. Di questo collegamento fa menzione nell’XI secolo Landolfo Seniore nella sua Historia Mediolanensis, mentre una “patente” di Liutprando re dei Longobardi parla di un porto tra Lambro e Po. Ancora a favore della tesi, due ritrovamenti, uno in piazza Fontana e l’altro in via Larga, di un lungo manufatto romano che appare come una banchina portuale.

Navigli – Riaprire i Navigli

Il progetto si pone l’obiettivo di riaprire i Navigli a Milano. Ripristinando l’antica connessione tra il Naviglio Martesana, da Cassina de’ Pom, nel punto in cui il Naviglio Martesana oggi si infossa sotto via Melchiorre Gioia, verso la Conca dei Navigli fino alla Darsena di Porta Ticinese.

Esso prevede la realizzazione di un nuovo canale, lungo via Melchiorre Gioia e lungo la “fossa interna”, di otto chilometri, da realizzare prevalentemente all’interno del vecchio alveo, per garantire il ripristino della continuità idraulica della rete e dei Navigli lombardi. L’idea generale del progetto è stata presentata per la prima volta nella sua complessità e unicità, in coincidenza con la presentazione del volume “Riaprire il Naviglio si può” il 15 marzo 2012 a Milano alla presenza del sindaco.

Il progetto è stato ulteriormente illustrato in molti incontri pubblici e in particolare si cita il convegno tenuto il 20 ottobre 2012 al Teatro Puccini di Milano. Un grande progetto per Milano, la Lombardia e i suoi paesaggi.

Navigli – Indirizzo

Porta Ticinese – Milano